natalevr4

Le novità del Natale 2017 a Verona

Scrivo questo articolo appena tornato con la mia famiglia dai nuovi mercatini di Natale appena inaugurati a Verona. Qui devo però spiegare cosa intendo per “nuovi”. Da qualche anno la città è diventata una sorta di capitale informale del Natale in Italia, con tutta una serie di eventi che attirano circa due milioni di visitatori che riempiono vie e piazze, facendo shopping o semplicemente godendosi l’atmosfera magica delle luci e degli alberi decorati.

Piazza dei Signori, nel cuore del centro storico a due passi da piazza Erbe, è il tradizionale punto di ritrovo per lo shopping natalizio. È qui, infatti, che si trovano i mercatini di Norimberga, che attirano la maggior parte dei turisti. Piazza Bra è l’altro snodo del Natale, con la tradizionale scultura della stella cometa la cui coda entra nell’Arena, oltre ai banchetti tipicamente veronesi del mercatino per la ricorrenza di Santa Lucia (il 13 dicembre).   Ma quest’anno, come accennavo, ci sono delle novità, che riassumerei così: il Natale a Verona non è più concentrato in uno o due piazze, ma ha conquistato molti altri luoghi della città.

C’è, tanto per cominciare, la meravigliosa passeggiata pedonale di lungadige San Giorgio. È forse il luogo più bello tra quelli meno conosciuti di Verona. I banchetti natalizi adesso sono anche qui: si può sgranocchiare cioccolata artigianale o scaldarsi con un bicchiere di vin brûlé,anche se l’attrazione principale è una grande giostra panoramica con vista sul fiume che fa la felicità dei bambini ma anche dei loro genitori.  Per quanto mi riguarda, promosso a pieni voti.

Proseguendo di sera verso ponte Pietra, non si può non notare la funicolare illuminata che porta a Castel San Pietro, aperta da pochi mesi. Prendendola (e risparmiandosi così una ripida benché pittoresca ascesa da una scalinata) si raggiunge la sommità della collina che domina la città, dove è stato allestito all’interno di una costruzione a forma di igloo un lounge bar ideale per un aperitivo con la vista migliore di Verona.

Uno dei luoghi di Verona più ingiustamente trascurati dai turisti diventa, da quest’anno, parte del circuito natalizio. Parlo di piazza San Zeno, dove si trova la meravigliosa basilica romanica dedicata al Santo patrono della città. Un noto vivaista veronese vi ha allestito un imponente presepe, mentre all’interno del chiostro della chiesa si trova un altro presepe tutto da ammirare, realizzato in materiali riciclati. Per gli amanti del genere, comunque, viene riproposta anche quest’anno la mostra internazionale dei presepi all’interno dell’Arena, giunta quest’anno alla sua 31 esima edizione.

A chi ha la fortuna di trovarsi a Verona nel periodo delle festività, consiglio anche una visita a Palazzo Forti, che si è specializzato in mostre monografiche molto ben curate e organizzate. Al momento – e fino al 28 febbraio 2018 – c’è quella dedicata ai ritratti “over size” del grande pittore colombiano Fernando Botero. Ma, in un’ala del palazzo, è allestita anche un’altra esposizione per me imperdibile, benché non paragonabile dal punto di vista artistico: si chiama “I love Lego”, vi si trovano ricostruzioni di ambienti reali e di fantasia realizzate esclusivamente con i famosi mattoncini. C’è anche una ricostruzione di piazza Erbe di Verona, da far brillare gli occhi.

Infine, per festeggiare degnamente, non rimane che un brindisi, accompagnato da una fetta del dolce veronese per eccellenza: il pandoro. Buon Natale a tutti.

Aggiungi il tuo commento

Condividi


GLI ULTIMI COMMENTI SU QUESTO POSTO

Tutti i campi sono obbligatori

La tua esperienza personale può essere di grande aiuto agli altri viaggiatori. Grazie!

Your email address will not be published. Required fields are marked *


Alcuni angoli simili