vce_la-giudecca

La Giudecca: Una passeggiata guardando Venezia dall’ altra parte

La Giudecca, zona di Venezia da cui é divisa dall’ omonimo canale, é raggiungibile solamente via acquea ed é costituita da alcune isole collegate tra loro da ponti.

Si snoda lungo il canale lungo il quale transitano le navi da crociera per raggiungere il terminal passeggeri ubicato dove un tempo si trovava il porto commerciale; un tempo attraverso il canale della Giudecca passavano infatti tutte le navi mercantili per raggiungere le banchine di ormeggio del vecchio scalo commerciale della Marittima, spostato nella prima metà del ‘900 a Porto Marghera.

Fino agli anni ’60 la Giudecca era una zona popolare ed operaia con industrie, cantieri ed alcune fabbriche.

Ora é ancora una tranquilla zona popolare con una lunga e godibile passeggiata da cui si può ammirare S. Marco e parte di Venezia da un’ altro punto di vista, seduti per un caffé o un aperitivo in uno dei molti bar che si incontrano o per una cena in una tipica trattoria godendo della vista sulla città.

Oltre alla chiesa delle Zitelle, vi é quella si trova quella di S. Eufemia, una delle più antiche chiese veneziane, per poi arrivare all’ imponente edificio della chiesa del Redentore, famosa per l’ omonima festa della tradizione veneziana che si tiene la terza domenica di luglio in cui, nella serata precedente, i veneziani cenano in barca, o lungo le rive, in attesa dello spettacolo pirotecnico dei “foghi” i fuochi artificiali che illuminano tutto il bacino di S. Marco.

Un altro edificio interessante é quello conosciuto come “La Casa dei Tre Oci”, la casa dei tre occhi, per le sue tre grandi finestre che si affacciano sulla laguna, sede di una fondazione in cui si organizzano spesso interessanti mostre ed esposizioni che meritano di essere viste anche per visitare l’ interessante interno della casa dalle cui finestre si gode un incredibile panorama di S. Marco e della prospiciente basilica della Salute.

Ma la Giudecca resta ancora una zona veneziana, seppur sempre più scoperta dai turisti, specie i più giovani in quanto si trova l’ unico ostello cittadinao per la gioventù, che qui arrivano alla ricerca di angoli meno frequentati, tipici e fuori dai consueti percorsi dove si incontrano ancora gli abitanti della città che conducono la loro vita tranquilla.

Infilandosi in una delle calli che portano sull’ altro lato della Giudecca si può ammirare il panorama della laguna Sud con le sue isole, il litorale del Lido a sinistra e la terraferma a destra con le gru del porto commerciale.

All’ estremità troneggia la mole imponente di quello che un tempo era il mulino Stucky, architettura che ricorda i vecchi docks del porto di Amburgo, deposito e magazzino delle granaglie e recentemente trasformato in un lussuoso hotel.

Aggiungi il tuo commento

Condividi


GLI ULTIMI COMMENTI SU QUESTO POSTO

Tutti i campi sono obbligatori

La tua esperienza personale può essere di grande aiuto agli altri viaggiatori. Grazie!

Your email address will not be published. Required fields are marked *


Alcuni angoli simili