recettegateaunantais

Il Gâteau Nantais

Il dolce alle mandorle è una specialità gastronomica di Nantes… È da molto tempo un mistero, benché io stessa sia nata in questa città.

Mia nonna Hélène amava preparare questa torta in occasione delle feste in cui si riuniva tutta la famiglia, ma, come ben diceva, “Questa dolcezza è per i grandi!” E guardando il dolce appetitoso, rimuginavo tra me e me, dall’alto dei miei 10 anni…

È solo analizzando la ricetta che ho capito! In questa bella torta tutta bianca, si nasconde un po’ di liquore al rum! E sì, il gâteau nantais è un retaggio della storia della città, grazie soprattutto alle spezie e agli altri ingredienti del nuovo mondo, che passavano per il porto di Nantes nel XVIII secolo.

Dopo una tale grande scoperta, mi piace preparare la ricetta di mia nonna, che è stata trasmessa di generazione in generazione:

Per 6 persone: 150 gr di zucchero, 100 grammi di farina di mandorle, 125 g di burro salato (siamo a Nantes, qui il burro è sempre salato…), è necessario che il burro sia molto morbido, 3 uova, 100 gr di zucchero a velo per guarnire, 40 g di farina e, infine, 9 cl di rum (un po’ meno se lo mangiano anche i più giovani).

Il resto è molto semplice: mescolare in un recipiente il burro ammorbidito con lo zucchero e la farina di mandorle. Sbattere le uova prima di aggiungerle alla miscela preparata in un altro recipiente. Unire al composto la farina setacciata e un primo bicchiere di rum (3 cl) e poi versarlo in uno stampo rotondo.

Cuocere in forno a 180°C (termostato 6) per 20 minuti. Poi a 150°C per 15 minuti. Tirare fuori la torta dal forno, toglierla dallo stampo e versare un secondo bicchiere di rum (3 cl).

Il giorno dopo, quando la torta si è raffreddata, aggiungere la glassa mescolando lo zucchero a velo con l’ultimo bicchiere di rum (3 cl). Versare la glassa sulla torta ed ecco fatto!

Non resta altro che gustare questo delizioso dolce alle mandorle, con una pallina di gelato al caramello al burro salato per quanto sono golosa! Chiudo gli occhi e mi lascio travolgere dagli ingredienti aciduli di questa specialità locale. Sono sana e salva, sono a Nantes!

Aggiungi il tuo commento

Condividi


GLI ULTIMI COMMENTI SU QUESTO POSTO

Tutti i campi sono obbligatori

La tua esperienza personale può essere di grande aiuto agli altri viaggiatori. Grazie!

Your email address will not be published. Required fields are marked *


Alcuni angoli simili


Più angoli di Nantes