Festa di Sant’Agata, patrona di Catania

La Festa di sant’Agata è la più importante festa religiosa che si celebra nella città di Catania. Agata è la patrona della città e questa Santa viene ricordata in diversi momenti nel corso dell’anno.

La Festa di Sant’Agata si svolge dal 3 al 5 febbraio, il 12 febbraio e ancora il 17 agosto. In realtà, ogni data è legata ad una diversa ricorrenza: a febbraio si ricorda il martirio della Santa, mentre ad agosto si festeggia il giorno in cui le sue spoglie vennero riportate a Catania, dopo che queste furono trafugate da Costantinopoli.

Dal 3 al 5 febbraio di ogni anno giungono a Catania più di un milione tra fedeli e turisti. Molti catanesi che lavorano e ormai vivono stabilmente in altre parti d’Italia fanno ritorno alla loro città proprio in questi giorni per omaggiare la Santa Patrona.

Le origini della venerazione di Sant’Agata sono molto antiche e questo culto è ancora oggi vivo più che mai. Il martirio della Santa catanese risale all’anno 252, anno in cui si hanno le prime testimonianze di una forte devozione popolare nei confronti di questa vergine, che si era votata al martirio pur di difendere il suo onore e non rinnegare la sua fede.



I catanesi sono molto orgogliosi di questa giovane donna che si rivoltò contro il volere del proconsole romano e per questo perse la sua vita.

Come spesso capita per le feste popolari, va detto che non c’è solo una componente religiosa; pare infatti che a inizio febbraio, ancor prima della nascita di Agata, si celebrasse una festa pagana, probabilmente dedicata alla Dea Iside.

La prima testimonianza di una Festa dedicata specificatamente a Sant’Agata si ha il 17 agosto 1126 quando le spoglie della Santa, trafugate nel 1040, furono riportate in patria da due soldati, Gilberto e Goselino, dalla città di Costantinopoli, dove erano rimaste per oltre 80 anni.

In quell’occasione il Vescovo di Catania, Maurizio, si recò al castello di Jaci per accoglierle. La voce si diffuse rapidamente tra i cittadini e questi si riversarono nelle strade della città, dando vita a grandi festeggiamenti del tutto spontanei ed improvvisati.

Ai nostri giorni, come accennato, sono diverse le giornate che Catania dedica al ricordo di Agata, ma tra tutte la più emozionante è senza dubbio quella del 4 febbraio, quando si effettua una tradizionale processione per le vie del centro della città e sfila “Il fercolo“, raffinata opera d’argenteria che contiene le reliquie della Santa.

Molto particolare anche la sfilata delle “candelore”, grandi ceri votivi rivestiti con decorazioni artigianali, fiori, puttini in legno dorato, santi e scene del martirio.



Aggiungi il tuo commento

Condividi


GLI ULTIMI COMMENTI SU QUESTO POSTO

Tutti i campi sono obbligatori

La tua esperienza personale può essere di grande aiuto agli altri viaggiatori. Grazie!

Your email address will not be published. Required fields are marked *


Alcuni angoli simili


Più angoli di Catania