sxb_tartes-flambees

Dove mangiare un buona tarte flambée nei dintorni di Strasburgo?

Il suo nome alsaziano è Flammekuche. In francese, viene chiamata “tarte flambée” anche se nei fatti, non è flambé, ma cotta alla fiamma! O meglio passata tra le fiamme…

Storicamente, questo piatto campagnolo è nato dalla cottura del pane nei forni dei fornai. I resti degli impasti di pane venivano stesi e ricoperti di latte cagliato, pancetta e cipolla. Ogni tarte veniva poi tagliata a fette, arrotolata e mangiata … con le dita.

Flammekuche, l’altro nome della tarte flambée

La Flammekueche s’impone a partire dagli anni ’60, e diventa presto una concorrente della pizza! Fuori dalle città nascono i migliori indirizzi per gustare questa pietanza. Dal nord al sud dell’Alsazia, ciascuno ha il suo. Intorno a Strasburgo ci si ritrova nel Kochersberg, in ristoranti che aprivano all’epoca, solo il sabato e la domenica.

Oggi, anche se i ristoranti di campagna continuano ad essere molto apprezzati, si assapora la tarte anche nel cuore di Strasburgo. Gli studenti che hanno frequentato Strasburgo si ricordano sicuramente del Flam’s della rue des frères. In città, vi consigliamo anche le tarte flambée del Binchstub. Nei pressi della Cattedrale, quelle del winstub Au Bon Vivant non vi deluderanno!

Fuori Strasburgo, la tradizione

In origine, la tarte flambée veniva assaporata al naturale. Con il passare del tempo, è diventata gratinata, mista, alle lumache. I puristi preferiscono le prime due varietà.

Tra amici, in famiglia, ci si dà appuntamento nei migliori ristoranti e in particolare in quello in cui la “flammekueche” è cotta al forno a legna. Uscite da Strasburgo per recarvi nei paesini ubicati nelle vicinanze della capitale europea.

L’Espérance a Handscheim, l’Aigle e il Buresteubel a Pflugriesheim, L’Osthof a Eckerwersheim, le Marronnier a Stutzheim sono solo alcuni degli indirizzi che abbiamo provato.

Vi consigliamo di andare dritti all’obiettivo. Di iniziare il pasto con una birra, cominciando con una “normale”, e poi di variare fino al dessert! Sappiate che esistono anche delle tarte flambée dolci. Da provare quella alle mele con un po’ di Calvados!

Aggiungi il tuo commento

Condividi


GLI ULTIMI COMMENTI SU QUESTO POSTO

Tutti i campi sono obbligatori

La tua esperienza personale può essere di grande aiuto agli altri viaggiatori. Grazie!

Your email address will not be published. Required fields are marked *


Alcuni angoli simili