Cenone di Natale in Sardegna

Il Natale è una delle feste più belle. Si tratta di quel momento dell’anno in cui le famiglie si riuniscono intorno a una tavola ricca di cibo, raccontandosi notizie, divertendosi e godendosi il tempo trascorso insieme.

In Sardegna non ci sono piatti tradizionali di Natale. Tuttavia, in occasioni festive o per un evento speciale, vengono preparate alcune delle specialità più tradizionali dell’isola. Diamo uno sguardo a cosa posa possiamo trovare generalmente sulle tavole delle famiglie sarde a Natale.

Primi piatti 

Culurgiones

Culurgiones o culurgionis sono una variante dei ravioli. Il piatto ha origine a Ogliastra e vanta diverse variazioni.

I culurgiones classici sono fatti con pasta fresca ripiena di patate, formaggio, lardo o olio d’oliva, e menta. Generalmente sono ricoperti di salsa di pomodoro ma anche questa caratteristica è variabile. Possono essere al forno o fritti e non conditi.

Ciò che li rende speciali è la chiusura a “spighita” (spiga di grano) ottenuta schiacciando i due bordi del disco di pasta finché non sono completamente sigillati come un ricamo raffinato, caratteristica che conferisce a questo tipo di pasta la sua speciale forma. Questo prodotto è stato classificato IGP, Indicazione Geografica Protetta, grazie alla sua denominazione d’origine.

Malloreddus alla campidanese

I Malloreddus vengono spesso chiamati gnocchi sardi poiché sono una tipologia di pasta sarda tipica che non si trova facilmente in altre regioni d’Italia.

Hanno origine nell’area del Medio Campidano. Presentano una forma di piccole conchiglie rigate e sono fatti con semola e acqua. La pasta e il condimento sono gli elementi che rendono unico questo piatto. I malloreddus vengono serviti con ragù di salsa di pomodoro e tocchetti di salsiccia sarda.

La carne viene cotta con olio e pezzetti di cipolla. La salsa di pomodoro viene aggiunta in un secondo momento e si serve il tutto con formaggio pecorino sardo.

Secondi piatti

Maialino sardo

Il Porceddu è un piatto che ha conquistato l’intera Italia e i suoi turisti ed è il piatto più famoso in Sardegna.

Viene chiamato con diversi nomi a seconda dell’area che si visita in Sardegna, ma la preparazione non cambia. Non si tratta di un maiale qualsiasi, ma di un maialino che è stato nutrito solo con latte. La preparazione del Porceddu è un atto sacro. Viene preparato e cotto rigorosamente allo spiedo in un forno a legna. Dal momento che la parte esterna deve essere croccante e la parte interna tenera, il risultato finale dipende molto dalle abilità del cuoco.

Dolci

La pasticceria sarda è molto variegata. Oltre ai classici pandoro o panettone, in tavola potrai trovare spesso le papassinas.

Papassinas

Si tratta di dolci tipici sardi preparati principalmente a novembre, nel giorno dei morti, e a Natale.

Sono facili da realizzare. Sono fatte con noci, uva passa e vino e sono ricoperte di glassa e decorazioni. Esistono molte versioni diverse a seconda della zona. Nel sud della Sardegna si usano cannella e vaniglia, mentre nel nord arancia e limone.

Così come in tutte le regioni d’Italia, la Sardegna vanta una ricca varietà di piatti. Ovviamente qui abbiamo trattato solo alcuni dei piatti più tipici e famosi. Una cosa è certa: oltre al mare e alle spiagge, un altro ottimo motivo per venire in Sardegna è il cibo.

Aggiungi il tuo commento

Condividi


GLI ULTIMI COMMENTI SU QUESTO POSTO

Tutti i campi sono obbligatori

La tua esperienza personale può essere di grande aiuto agli altri viaggiatori. Grazie!

Your email address will not be published. Required fields are marked *


Alcuni angoli simili


Più angoli di Olbia